logo trinity viaggistudio viaggio vivo volo
Cerca

Didattica inclusiva: cos’è e perché è importante

Didattica inclusiva: che cos’è e come si applica

La riflessione sull’apprendimento, sui modelli di insegnamento e sulla formazione è alla base dell’attività di chi, come noi di Trinity ViaggiStudio, si occupa direttamente di educazione e, nel nostro caso, di esperienze dedicate allo studio delle lingue straniere. Per questo parlare di didattica inclusiva significa spingerci fino alle radici stesse della nostra attività. In un contesto culturale e sociale in mutamento, la didattica inclusiva non è semplicemente un trend, ma un’urgenza. Vediamo insieme in cosa consiste la didattica inclusiva e come può trasformare anche i viaggi di studio all’estero in opportunità per tutti i giovani che desiderano esplorare il mondo, senza limiti.

In cosa consiste la didattica inclusiva?

La didattica inclusiva è un insieme di pratiche e strumenti applicati in classe per far sì che l’educazione sia accessibile e stimolante per tutti. Indipendentemente dal proprio background di partenza, ogni studente e ogni studentessa viene valutato in maniera equa e ha le stesse opportunità di apprendimento e di crescita.

Nel contesto scolastico e formativo, inclusività significa, dunque, integrazione, equità e rispetto per raggiungere insieme ciascuno i propri obiettivi ed esplorare il proprio potenziale.

In sintesi, la didattica inclusiva si basa sull’idea che ogni studente è un individuo unico con le proprie forze e sfide, e mira a creare un contesto educativo che rispetti e valorizzi questa diversità.

Come rendere l’apprendimento di una materia più inclusivo

La strada verso una maggiore inclusività in classe parte dall’accogliere i principi della didattica inclusiva e, quindi, da una profonda autoanalisi da parte dell’insegnante. È fondamentale, infatti, eliminare qualsiasi forma di pregiudizio, abbandonare alcuni meccanismi che potrebbero essere molto consolidati nel tempo e introdurre una valutazione critica anche degli strumenti che vengono abitualmente utilizzati.

Il primo passo verso l’inclusività è la consapevolezza. Da qui, l’insegnante o l’educatore possono attuare alcune azioni mirate per trasmettere questo valore anche in classe:

  1. creare un ambiente aperto e accogliente dove ogni studente si sente al sicuro;
  2. favorire il senso di comunità tra gli alunni, in maniera tale che si sentano parte di un gruppo;
  3. trasmettere i valori dell’inclusione, del rispetto e dell’accettazione della diversità alla classe;
  4. stimolare la partecipazione e l’ascolto attivo, due elementi chiave per incoraggiare e sostenere l’autostima di tutti gli alunni e alunne;
  5. combattere i pregiudizi in maniera attiva, riconoscendo e individuando la loro presenza sia nei materiali di studio sia nelle interazioni scolastiche dentro all’aula.

 

Queste azioni pratiche si intrecciano con l’esigenza di personalizzare il percorso didattico. È fondamentale, nell’ambito della didattica inclusiva, dare spazio a voci diversificate e prospettive originali: in questo modo tutti i ragazzi sono incoraggiati a far sentire la propria voce e sviluppare il pensiero critico.

La personalizzazione si esprime anche attraverso un rapporto personale con gli studenti, utile anche per stanare eventuali pregiudizi sottili o impliciti. In questa maniera sarà più semplice far sì che nessuno resti indietro e tutti i membri della classe possano procedere nella loro strada verso l’apprendimento.

Didattica inclusiva nei viaggi studio

I principi e le azioni della didattica inclusiva si possono applicare in qualsiasi contesto di formazione, incluse le classi dedicate all’apprendimento di una lingua straniera in italia e all’estero. A lungo esperienze come vacanze studio o l’anno di studio all’estero non sono state facili o accessibili per tutti e proprio per questo noi di Trinity ViaggiStudio abbiamo voluto elaborare dei percorsi speciali che favorissero la partecipazione di più bambini e ragazzi alle nostre attività.

Il progetto si chiama “Uno per tutti, tutti per uno” e prevede opportunità specifiche e sicure per partire per studenti con disturbi dello spettro autistico (DSA) o con bisogni educativi speciali (BES), e uno specifico programma per ragazzi e ragazze che soffrono di diabete mellito di tipo 1.

I benefici di una vacanza studio per ragazzi con dislessia e altri DSA o BES sono significativi. Proprio per questo, lavoriamo su un approccio comunicativo inclusivo che permetta agli studenti di migliorare l’inglese e, allo stesso tempo, aumentare motivazione e fiducia in se stessi. Coerentemente con i principi della didattica inclusiva questo programma sviluppa alcune strategie specifiche:

  • Organizzare un ambiente di studio adatto;
  • Pianificare i task di apprendimento;
  • Facilitare le attività;
  • Prediligere lo speaking al writing e reading;
  • Stimolare la curiosità;
  • Valorizzare i successi;
  • Sviluppare la capacità di concentrazione.

 

Inoltre, viene utilizzato un software specifico e realizzato un sistema di tutoraggio che assicura una piena personalizzazione del percorso.

Per quanto riguarda il programma di soggiorni studio per studenti con diabete mellito di tipo 1 le parole chiave sono sicurezza e inclusività. In questo caso, è prevista la presenza di un medico/accompagnatore dedicato che segue e assiste durante tutte le fasi della vacanza studio il ragazzo o la ragazza con DM1. Grazie a ciò, diventa possibile una partecipazione piena a tutte le attività del percorso di studio, costruendo insieme agli amici e alle amiche un’esperienza serena e indimenticabile.

Se vuoi conoscere meglio il nostro percorso e programmi speciali o approfondire l’approccio didattico dei docenti partner, contattaci. Ascolteremo le tue esigenze e valuteremo insieme qual è la soluzione ideale per partecipare ad un’esperienza formativa unica sia dal punto di vista didattico sia umano!

Altri articoli

Sistema scuola

Come funziona il sistema scolastico argentino

Come funziona il sistema scolastico argentino? Il tuo sogno è migliorare lo spagnolo e parlarlo fluentemente? Le destinazioni per un viaggio studio dedicato a una delle lingue più parlate al